Mobirise Site Generator

I veicoli avviati a rottamazione vengono gestiti con la massima attenzione a ridurre l’impatto ambientale, nel rispetto della vigente normativa.
Personale esperto e qualificato esamina a fondo il veicolo e seleziona con cura le parti migliori, recuperabili come ricambi per la nostra clientela.

Le parti rimanenti vengono poi gestite come rifiuti e avviate per quanto possibile al recupero (come ad esempio i metalli, il vetro, gli pneumatici, le batterie, etc.) in modo da non disperdere risorse che invece possono essere reimpiegate per ricavare nuova materia prima, riducendo così lo sfruttamento dell’ambiente e l’inquinamento.

Solo una piccola parte residua, infine, verrà avviata allo smaltimento presso Aziende autorizzate per le specifiche tipologie di rifiuto.

La nostra azienda è dotata di una moderna attrezzatura che consente di trattare in sicurezza anche i serbatoi di metano/GPL che sempre più spesso vengono istallati sui veicoli. Il contenuto del serbatoio viene estratto con le opportune tecniche e avviato al riutilizzo, mentre il serbatoio stesso, dopo essere stato sottoposto a lavaggio con azoto per bonificarlo e metterlo in sicurezza, viene recuperato come metallo.
L’impianto, inoltre, dispone di una avanzato sistema di depurazione, appositamente progettato, che provvede alla raccolta e al trattamento di tutte le acque ed effettua periodicamente dei campionamenti delle acque stesse per sottoporle ad analisi chimico/fisiche presso laboratori specializzati, in modo da verificare e garantire il rispetto dei rigidi parametri ambientali imposti dalla normativa.

Il nostro impianto è autorizzato all’esercizio dell’attività di messa in riserva e trattamento di rifiuti speciali pericolosi costituiti da veicoli fuori uso ai sensi dell’art. 208 D.Lgs. 152/2006 sulla base dell’Autorizzazione Unica SUAP Prot. 40918 del 05/12/2013, facente riferimento all’Atto Dirigenziale della Provincia di Firenze n. 3994 del 15/11/2013.